Morawiecki: grande discorso al Parlamento Europeo. La von der Leyen minaccia sul piano finanziario

Un banalotto richiamo ai 'valori della EU della von der Leyen. Il tutto per arrivare a minacciare la Polonia. Ma il Primo Ministro Morawiecki ha risposto per le rime. Chissà se la von der Leyen ha capito o dovrà farselo spiegare dai capi?

close up photography of european flag
Photo by eberhard grossgasteiger on Pexels.com

BRUXELLES – Botta e risposta tra il capo della Commissione Europea, Ursula von der Leyen ed il Primo Ministro della Polonia, Mateusz Morawiecki.

L’occasione il dibattito al Parlemento Europeo in cui il capo del Governo polacco ha chiesto di essere ascoltato.

E ciò in merito alla ‘faccenda’ della presa di posizione del Tribunale Costituzionale polacco sulla ‘predominanza’ della costituzione nazionale sul diritto comunitario ma, soprattutto, sulle ‘interpretazioni’ della Corte di Giustizia Europea.

Von der Leyen: minacce di limitare i fondi economici alla Polonia

Prima ad intervenire, la von der Leyen che ha dato fondo a tutto l’argomentazione incentrata sul concetto di ‘Rule of Law’ e che la Polonia avrebbe violato.

Pur richiamandolo, la von der Leyen si è ben guardata dallo specificare cosa si intenda oggi per ‘Rule of Law’, concetto tra i più vaghi del momento.

Ma rifacendosi a questo, ha messo dentro la ‘indipendenza dei giudici’ che dovrebbero garantire ‘l’ordine legale europeo’.

Un concetto questo dell’ordine legale europeo che indica come se la Unione Europea fosse uno stato nazionale. O magari un superstato..

Ha poi ovviamente fatto riferimento ai ‘valori’ della Unione Europea, valori su cui nessuno potrebbe obiettare: democrazia, libertà, uguaglianza e rispetto dei diritti umani.

Molto scenografica nel parlare, con pause e ampi gesti, la vdL ha poi cercato di ‘dividere’ virtualmente il popolo polacco dal suo governo richiamandosi spesso appunto al ‘popolo polacco’ facendolo sentire importante e, quasi quasi guidato da un governo ‘scarso’.

Il richiamo al ‘popolo polacco’ non poteva certamente non passare dal papa polacco, Giovanni Paolo II e dal fu leader di Solidarnosc, Lech Wałęsa: esempi probabilmente buoni che la vdL voleva citare per far vedere la differenza tra quelli e gli attuali.

Infine le minacce ed i ricatti con il rifarsi ad una serie di articoli dei Trattati fino all’art 7 che potrebbe, con il voto qualificato a diversi livelli, estromettere una Paese indicato come ‘violatore di diritti fondamentali’.

Anche perchè, ha implicitamente ricordato la vdL, la Commissione Europea non riconosce il valore e la costituzionalità del Tribunale Costituzionale polacco, nominato, secondo la EU, in violazione dei propri principi.

Tale discussione, ha detto la vdL dovrà essere fatta perchè il problema ‘può essere risolto e deve essere risolto


Video dal Parlamento Europeo

Content not available.
Please allow cookies by clicking Accept on the banner
La discussione della Von Der Leyen in cui ha evidenziato che il potere appartiene alla Unione Europea ed cercato di creare dei dissapori appellandosi al ‘popolo polacco’, a Giovanni Paolo II e Walesa

A dire il vero, si pensava che il canale YouTube della Commissione Europea mandasse in onda, con la traduzione, il discorso del PM polacco. Ma, a quanto pare, si è fermato solo alle parole della sua presidente di Commissione, von der Leyen. Come vedete qui di seguito, a 4 ore dalla chiacchiere della presidenta, l’ultimo filmato caricato era proprio della stessa Von Der Leyen e non dei successivi relatori, tra cui il PM polacco

Morawiecki: non ci facciamo intimorire. La EU è una comunità di Stati Sovrani

Dopo la vdL, sul leggio al centro dell’emiciclo, il Primo Ministro polacco Mateusz Morawiecki (riportiamo adesso più sotto, il discorso del PM Morawiecki, tradotto in italiano e rilasciato dall’Ufficio Stampa del Governo).

qui il link dell’intervento (in polacco)

L’intervento del PM è stato solido, concreto e non ha fatto come la vdL appiccicandosi a concetti non ben definiti.

Tra l’altro, Morawiecki si è rivolto al v.presidente di turno dell’assemblea, il portoghese Pedro Silva Pereira (socialista) che lo richiamava a finire il suo discorso con un esplicito “sto finendo, per favore non mi disturbi“.

Per essere più chiaro ha indicato dei punti da sviluppare, in sequenza. Riservandosi di approfondire le questioni più complesse.

In generale, Morawiecki ha ricordato il valore della Polonia come membro della EU, il suo apporto all’economia della Unione per rigettare il discorso, trito e ritritro, che la Polonia abbia beneficiato dei fondi europei senza dare niente in cambio.

Ma la cosa più importante che ha voluto evidenziare il PM in questo discorso sereno ma concreto, è stato che non ci devono essere Stati di serie A e B nella Unione Europea.

E che l’eventuale cambiamento di direzione da dare alla UE non deve e può venire dalla interpretazione di norme e leggi da parte della ECJ.

Prima EU in aree ben definite

La Polonia riconosce il primato del diritto della EU nelle materie ben specifiche dei trattati. Ma questo non significa che la Corte Europea può permettersi il lusso di interpretare e modificare la ratio delle leggi nazionali attivate per via democratica e parlamentare.

Siamo un Paese orgoglioso‘, ha detto, respingendo il linguaggio da ‘nonnismo’, delle minacce, della coercizione (qualche siciliano potrebbe persino spingersi a dire “mafioso”). Ed escludendo qualunque ipotesi di Polexit.

Concludendo con un chiaro ‘la Polonia non si farà intimidire’. E con un ancor più chiaro ‘Viva la Polonia, W l’Europa degli Stati Indipendenti e Sovrani’.

D’altra parte, in questi giorni, lo stesso Primo Ministro aveva inviata una ‘lettera aperta’ agli altri 26 Stati dell’Unione per metterli sul chi vive rispetto questo tentativo tecnico-burocratico di svuotare le democrazie dei singoli Paesi in favore di una gestione d Bruxelles completamente lontana dai regimi democratici occidentali.

Ed è proprio questo il suo peccato capitale: opporsi alle spinte forte e nascoste di chi, con le interpretazioni di legge e la mollezza di tanti governi assopiti, vuole la nascita degli Stati Uniti d’Europa e la cancellazione degli Stati nazionali, per creare un governo di tecnocrati staccato dalla realtà.


Il discorso del Primo Ministro Polacco, Mateusz Marowiecki (tradotto in Italiano)

Mateusz_Morawiecki

Signor Presidente,

Signora Presidente,

Onorevoli deputati,

Sono qui davanti a voi oggi in Parlamento, per esporre la nostra posizione su una serie di questioni che ritengo fondamentali per il futuro dell’Unione europea. Non solo per il futuro della Polonia, ma per il futuro dell’Unione nel suo insieme.

In primo luogo, parlerò delle crisi che l’Europa sta affrontando oggi e che dovremmo affrontare.

In secondo luogo, parlerò di standard e regole – che dovrebbero essere sempre uguali per tutti – e del fatto che troppo spesso non lo sono.

In terzo luogo, presenterò un parere sui principi secondo cui nessuna autorità pubblica dovrebbe intraprendere azioni per le quali non ha una base giuridica.

Il quarto punto del mio intervento riguarderà la sentenza del Tribunale costituzionale polacco e cosa significano per l’Unione questa e altre sentenze simili.

E anche sull’importanza della diversità e del rispetto reciproco.

Quindi, in quinto luogo, presenterò il nostro punto di vista sul pluralismo costituzionale.

Successivamente, indicherò gli enormi rischi per l’intera società derivanti dall’applicazione della sentenza della Corte di giustizia dell’UE, che si stanno già materializzando in Polonia.

Infine, riassumerò tutte le conclusioni e guarderò al futuro con speranza.

Vorrei iniziare dalle basi, dalle sfide cruciali per il nostro futuro comune. Disuguaglianze sociali, inflazione e aumento del costo della vita, che colpiscono tutti i cittadini europei, minacce esterne, aumento del debito pubblico, immigrazione illegale o crisi energetica che aumentano le sfide della politica climatica. Tutti questi portano a disordini sociali e ampliano il catalogo di problemi significativi.

La crisi del debito ha sollevato la questione, per la prima volta dopo la guerra, se possiamo fornire una vita migliore per la prossima generazione.

I nostri confini stanno diventando sempre meno stabili. Nel Sud, l’assalto di milioni di persone ha reso il Mediterraneo un luogo tragico. In Oriente ci troviamo di fronte a una politica russa aggressiva, capace di entrare in guerra per impedire ai paesi confinanti di scegliere la via europea.

Oggi siamo alle soglie di un’enorme crisi del gas e dell’energia. L’impennata dei prezzi – causata, tra l’altro, dalle azioni intenzionali delle aziende russe – sta già mettendo molte aziende in Europa nella posizione di dover scegliere tra tagliare la produzione o scaricare i costi sui consumatori. La portata di questa crisi potrebbe scuotere l’Europa nelle prossime settimane. Molte aziende potrebbero fallire, la crisi del gas potrebbe spingere milioni di famiglie, decine di milioni di persone, alla povertà e alla privazione a causa di aumenti incontrollati dei costi in tutta Europa. Dobbiamo anche fare i conti con il rischio di contagio: una crisi può innescare una cascata di crolli successivi.

Dico “noi” ogni volta, perché nessuno di questi problemi può essere risolto da solo. Non tutti questi problemi hanno colpito il mio paese in modo così drammatico come in altri stati dell’UE. Ciò non toglie che considero tutti questi problemi “i nostri problemi”.

Dirò ora alcune parole sul contributo della Polonia al nostro progetto comune.

Per noi l’integrazione europea è una scelta di civiltà e strategica. Siamo qui, apparteniamo a questo posto e non andiamo da nessuna parte. Vogliamo rendere l’Europa di nuovo forte, ambiziosa e coraggiosa. Ecco perché non guardiamo solo ai benefici a breve termine, ma anche a ciò che possiamo dare all’Europa.

La Polonia beneficia dell’integrazione principalmente grazie agli scambi nel mercato comune. Molto importanti sono anche i trasferimenti tecnologici e i trasferimenti diretti. Ma la Polonia non è entrata nell’UE a mani vuote. Il processo di integrazione economica ha ampliato le opportunità per le aziende del mio paese, ma ha anche aperto grandi possibilità per le aziende tedesche, francesi o olandesi. Gli imprenditori di questi paesi stanno beneficiando enormemente dell’allargamento dell’Unione.

Basta contare l’enorme deflusso di dividendi, interessi attivi e altri strumenti finanziari dai paesi dell’Europa centrale – i meno ricchi – verso l’Europa occidentale – i più ricchi. Tuttavia, vogliamo che non ci siano perdenti in questa cooperazione, ma vincitori.

È stata la Polonia a promuovere un ambizioso Recovery Fund garantendo che la risposta odierna alle sfide dell’energia, del cambiamento climatico e della trasformazione post-pandemia fosse adeguata alle esigenze. Perché la crescita economica sia forte, dando speranza e garanzia che milioni di bambini, donne e uomini non siano lasciati soli e vulnerabili alla globalizzazione. Su questi temi abbiamo parlato all’unisono con il Parlamento europeo.

La Polonia sostiene fortemente il mercato unico europeo. Vogliamo un’autonomia strategica che rafforzi i “27”.

Ecco perché la Polonia o la Germania, la Repubblica Ceca e altri paesi dell’Europa centrale promuovono soluzioni che aumentano la competitività dell’economia europea nello spirito dell’applicazione delle quattro libertà fondamentali. La libertà di circolazione di beni, servizi, capitali e persone.

Senza incoraggiare le attività dei paradisi fiscali, ciò che, purtroppo, viene ancora fatto da alcuni paesi dell’Europa occidentale, che in questo modo evitano i loro vicini. Sì, onorevoli colleghi, i paradisi fiscali che tolleriamo nell’Unione europea significano prendere i soldi dai più ricchi. È giusto? Aiuta a migliorare le sorti della classe media o dei meno abbienti? Rientra nel catalogo dei valori europei? Ne dubito molto.

Anche la Polonia e l’Europa centrale sono favorevoli a un’ambiziosa politica di allargamento che rafforzerà l’Europa nei Balcani occidentali. Completerà l’integrazione europea geograficamente, storicamente e strategicamente. Vogliamo le aspirazioni globali dell’Unione e siamo a favore di una forte politica di difesa europea con una struttura pienamente coerente con la NATO!

Oggi, quando il confine orientale dell’Unione è oggetto di un attacco organizzato che usa cinicamente le migrazioni dal Medio Oriente per destabilizzarlo, è la Polonia che dà sicurezza all’Europa fungendo da barriera insieme a Lituania e Lettonia per proteggere questo confine. E rafforzando il nostro potenziale di difesa, rafforziamo la sicurezza dell’Unione nel senso più tradizionale.

Mentre mi trovo qui oggi davanti a voi, vorrei ringraziare i servizi polacchi, lituani e lettoni, nonché tutti i paesi dell’Europa meridionale, le nostre guardie di frontiera e i servizi in uniforme, per gli sforzi e la professionalità nel proteggere i confini dell’Unione.

La sicurezza ha molte dimensioni. Oggi, quando siamo tutti colpiti dall’aumento dei prezzi del gas, è facile vedere quali possono essere i risultati della miopia in materia di sicurezza energetica. La politica e il consenso a Gazprom per Nord Stream 2 stanno già portando a prezzi del gas record.

Mentre oggi nei paesi che hanno fondato le Comunità il livello di fiducia nell’Unione è sceso a livelli storicamente bassi, come il 36% in Francia, in Polonia questa fiducia nell’Europa rimane ai massimi livelli. Oltre l’85% dei cittadini polacchi afferma chiaramente: la Polonia è e rimane membro dell’Unione europea. Il mio governo e la maggioranza parlamentare che lo sostiene fanno parte di questa maggioranza europeista in Polonia.

Ciò non significa che i polacchi oggi non abbiano dubbi e ansie sulla direzione del cambiamento in Europa. Questa ansia è visibile e, purtroppo, giustificata.

Ho parlato di quanto la Polonia abbia contribuito all’Unione. E purtroppo! Si sente ancora parlare di divisione in meglio e peggio. Troppo spesso abbiamo un’Europa dei doppi standard. E ora dirò perché dobbiamo porre fine a questo modello.

Oggi tutti gli europei si aspettano una cosa. Vogliono che affrontiamo le sfide poste da più crisi contemporaneamente, e non l’una contro l’altra, cercando qualcuno da incolpare, o meglio, coloro che non sono realmente da biasimare, ma a cui è conveniente dare la colpa.

Sfortunatamente, vedendo alcune delle pratiche delle istituzioni dell’UE, molti dei cittadini del nostro continente si chiedono oggi: c’è davvero uguaglianza nelle sentenze e decisioni estremamente diverse prese da Bruxelles e Lussemburgo nei confronti di diversi Stati membri in circostanze simili, che di fatto approfondiscono la divisione in Stati membri forti, vecchi e nuovi, in forti e deboli, ricchi e poveri?

Fingere che i problemi non esistano porta a conseguenze negative. I cittadini non sono ciechi, non sono sordi. Se politici e funzionari soddisfatti di sé non lo vedono, perderanno gradualmente la fiducia. E insieme a loro, le istituzioni perderanno fiducia. Sta già accadendo, onorevoli colleghi.

La politica deve essere basata sui principi. Il principio fondamentale che professiamo in Polonia e che è alla base dell’Unione europea è il principio della democrazia.

Pertanto, non possiamo rimanere in silenzio quando il nostro paese, anche in quest’Aula, viene attaccato in modo ingiusto e di parte.

L’insieme delle regole del gioco deve essere lo stesso per tutti. È responsabilità di tutti rispettarli, comprese le istituzioni che sono state istituite in quei trattati. Questi sono i fondamenti dello Stato di diritto.

È inaccettabile estendere i poteri, agire per mezzo di fatti compiuti. È inaccettabile imporre ad altri le proprie decisioni senza una base giuridica. È tanto più inaccettabile usare a tal fine il linguaggio del ricatto finanziario, parlare di sanzioni o usare parole ancora più esplicite contro alcuni Stati membri.

Respingo il linguaggio delle minacce, del nonnismo e della coercizione. Non sono d’accordo che i politici ricattino e minaccino la Polonia. Non sono d’accordo che il ricatto diventi un metodo di condotta politica nei confronti di uno Stato membro. Non è così che fanno le democrazie.

Siamo un paese orgoglioso. La Polonia è uno dei paesi con la più lunga storia di stato e democrazia. Per tre volte nel XX secolo, a costo di grandi sacrifici, abbiamo lottato per la libertà dell’Europa e del mondo. Nel 1920, quando salvammo Berlino e Parigi dall’invasione bolscevica, poi nel 1939, quando per primi entrammo in una battaglia omicida con la Germania e il Terzo Reich, che ebbe un impatto sulle sorti della guerra e infine, in 1980, quando “Solidarnosc” diede speranza per il rovesciamento di un altro totalitarismo: il crudele sistema comunista. La ricostruzione postbellica dell’Europa è stata possibile grazie al sacrificio di molte nazioni, ma non tutte ne hanno potuto beneficiare.

Onorevoli deputati. Ora qualche parola sullo stato di diritto. C’è molto da dire sullo stato di diritto e tutti capiranno questo concetto in modo diverso in una certa misura. Tuttavia, penso che la maggior parte di noi sarà d’accordo sul fatto che non si può parlare di Stato di diritto senza diverse condizioni. Senza il principio della separazione dei poteri, senza tribunali indipendenti, senza rispettare il principio che ogni potere ha competenze limitate, e senza rispettare la gerarchia delle fonti del diritto.

Il diritto dell’Unione precede il diritto nazionale – al livello degli statuti e nei settori di competenza attribuiti all’Unione. Questo principio si applica in tutti i paesi dell’UE. Ma la Costituzione resta la legge suprema.

Se le istituzioni istituite dai Trattati eccedono i loro poteri, gli Stati membri devono disporre degli strumenti per reagire.

L’Unione è una grande conquista dei paesi europei. È una forte alleanza economica, politica e sociale. È l’organizzazione internazionale più forte e più sviluppata della storia. Ma l’Unione Europea non è uno Stato. Gli Stati sono i 27 Stati membri dell’Unione! Gli Stati sono sovrani europei, sono i “padroni dei trattati” e sono gli Stati che definiscono l’ambito delle competenze affidate all’Unione europea.

Nei trattati abbiamo affidato all’Unione una gamma molto ampia di competenze. Ma non gli abbiamo affidato tutto. Molte aree del diritto rimangono di competenza degli Stati nazionali.

Non abbiamo dubbi sul primato del diritto europeo sulle leggi nazionali in tutti i settori in cui la competenza è stata delegata all’Unione dagli Stati membri.

Tuttavia, come i tribunali di molti altri paesi, il tribunale polacco solleva la questione se il monopolio della Corte di giustizia per definire i limiti effettivi dell’affidamento di tali competenze sia la soluzione adeguata. Poiché la determinazione di tale ambito rientra nella materia costituzionale, qualcuno deve anche esprimere un parere sulla costituzionalità di tali nuove, eventuali competenze , soprattutto quando la Corte di giustizia introduce dai trattati sempre più nuove competenze delle istituzioni comunitarie.

Altrimenti non avrebbe senso inserire nel Trattato sull’Unione europea l’articolo 4, che stabilisce che l’Unione rispetta le strutture politiche e costituzionali degli Stati membri. Non avrebbe senso inserire nel Trattato l’articolo 5, che stabilisce che l’UE può agire solo nei limiti dei poteri conferiti. Entrambi questi articoli sarebbero privi di significato se nessun altro che la Corte di giustizia potesse avere voce in capitolo in materia dal punto di vista costituzionale dell’ordinamento nazionale.

Sono consapevole che la recente sentenza del Tribunale costituzionale polacco è stata oggetto di un malinteso fondamentale. Se io stesso sentissi che il Tribunale costituzionale di un altro paese ha invalidato i trattati dell’UE, probabilmente mi sorprenderei anch’io. Ma soprattutto, cercherei di scoprire cosa ha effettivamente deciso la Corte.

Ed è anche a questo scopo che ho chiesto di intervenire nel dibattito odierno. Per presentarvi qual è il vero oggetto della controversia. Non le favole politicamente motivate su “Polexit”, o le bugie su presunte violazioni dello stato di diritto.

Ecco perché voglio presentarvi i fatti nella prossima sezione del mio intervento. E per fare questo, è meglio presentare direttamente alcune citazioni:

Nell’ordinamento giuridico [nazionale], il primato del diritto dell’Unione non si applica alle disposizioni della Costituzione: è la Costituzione che si trova al vertice dell’ordinamento giuridico interno.
Il principio del primato del diritto dell’Unione europea (…) non può ledere nell’ordinamento giuridico nazionale la forza suprema della Costituzione
La Corte Costituzionale può esaminare la condizione dell’ultra vires (…) cioè stabilire se gli atti delle istituzioni dell’Unione violino il principio di attribuzione quando le istituzioni, gli organi, gli organi e gli organismi dell’Unione hanno ecceduto l’ambito delle loro poteri in modo da violare tale principio.
In conseguenza di tale decisione, gli atti ultra vires non si applicano all’interno del territorio [dello Stato membro].

La Costituzione vieta il trasferimento di poteri in misura tale da far sì che [uno stato] non possa essere considerato un paese sovrano e democratico.
Tralascerò le prossime citazioni per non occupare troppo del tuo tempo. Passerò agli ultimi due.

La Costituzione è la legge suprema della Polonia in relazione a tutti gli accordi internazionali che la vincolano, compresi gli accordi sul trasferimento di competenza in determinate materie. La Costituzione godrà del primato di validità e applicazione nel territorio della Polonia
E ultima citazione

Il trasferimento di competenze all’Unione europea non può violare il principio di supremazia della Costituzione e non può violare alcuna disposizione della Costituzione

Vedo l’agitazione sui vostri volti, capisco che non sia d’accordo, almeno in parte, in quest’Aula. Ma non capisco perché. Perché queste citazioni provengono da decisioni del Consiglio costituzionale francese, della Corte suprema danese, della Corte costituzionale federale tedesca. Ho omesso le citazioni della corte italiana e spagnola.i.

E le citazioni delle sentenze del tribunale polacco riguardano il 2005 e il 2010. Quindi, dopo che la Polonia è diventata membro dell’Unione europea. La dottrina che oggi difendiamo è consolidata da anni.

Vale anche la pena di citare il professor Marek Safjan, già presidente del Tribunale costituzionale polacco e oggi giudice alla Corte di giustizia: «In base alla Costituzione, non vi sono ragioni per la tesi della supremazia del diritto dell’UE in relazione l’intero ordinamento nazionale comprese le norme costituzionali.Non vi sono motivi!Secondo la stessa Costituzione, è la legge suprema della Repubblica di Polonia (articolo 8, comma 1).La citata norma contenuta nel comma 2 dell’articolo 91 prevede expressis verbis per il primato del diritto comunitario in caso di collisione con una norma statutaria, ma non con la norma costituzionale”.

Questa posizione dei tribunali nazionali non è nuova. Potrei citare altre dozzine di sentenze di Italia, Spagna, Repubblica Ceca, Romania, Lituania e altri paesi. Sento anche voci che alcune di queste sentenze si sono occupate di altri casi, di portata minore. È vero: ogni giudizio riguarda sempre qualcosa di diverso. Ma – per l’amor di Dio! – hanno una cosa in comune: confermano che i tribunali costituzionali nazionali riconoscono il loro diritto di controllo. Il diritto al controllo! Tanto e tanto altro! Controllare se il diritto dell’Unione è applicato nei limiti di quanto le è stato affidato. Dedicherò ora alcune frasi all’Unione come spazio di pluralismo costituzionale.

Onorevoli deputati. Ci sono paesi tra noi in cui le corti costituzionali non esistono, e quelli in cui lo fanno. Ci sono paesi che hanno la loro presenza nell’Unione Europea scritta nelle loro costituzioni, e ci sono paesi che non lo fanno. Ci sono paesi in cui i giudici sono scelti da politici democraticamente eletti, e ci sono paesi in cui sono scelti da altri giudici.

Il pluralismo costituzionale significa che c’è spazio per il dialogo tra noi, i nostri paesi e gli ordinamenti giuridici. Questo dialogo avviene anche attraverso le sentenze dei tribunali. In quale altro modo i tribunali dovrebbero comunicare se non attraverso le loro sentenze? Tuttavia, non può esserci consenso a impartire istruzioni e ordini agli Stati. Non è di questo che si occupa l’Unione europea. Abbiamo molto in comune, vogliamo avere sempre di più in comune, ma ci sono differenze tra di noi. Se vogliamo lavorare insieme, dobbiamo accettare l’esistenza di queste differenze, dobbiamo accettarle, dobbiamo rispettarci l’un l’altro.

L’Unione non andrà in pezzi per il fatto che i nostri sistemi giuridici sono diversi. Operiamo in questo modo da sette decenni. Forse in futuro apporteremo modifiche che avvicineranno ulteriormente la nostra legislazione. Ma perché ciò accada, è necessaria una decisione degli Stati membri sovrani.

Oggi ci sono due atteggiamenti che possiamo adottare: o possiamo accettare tutti i tentativi extra-legali, extra-trattati di limitare la sovranità dei paesi europei, inclusa la Polonia, all’espansione strisciante delle competenze di istituzioni come la Corte di giustizia, alla “rivoluzione silenziosa” che avviene non sulla base di decisioni democratiche ma attraverso sentenze dei tribunali – o possiamo dire: “No, miei cari” – se volete fare dell’Europa un superstato senza nazione, guadagnate prima il consenso di tutti gli europei paesi e società per questo.

Lo ripeto ancora una volta: la legge suprema della Repubblica di Polonia è la Costituzione. Essa precede altre fonti del diritto. Nessun tribunale polacco, nessun parlamento polacco e nessun governo polacco possono discostarsi da questo principio.

Tuttavia, vale anche la pena sottolineare che il Tribunale polacco, anche nella recente votazione, non ha mai affermato che le disposizioni del Trattato sull’Unione siano del tutto incoerenti con la Costituzione polacca. Anzi! La Polonia rispetta pienamente i trattati.

Questo è il motivo per cui il tribunale polacco ha affermato che un’interpretazione molto specifica di alcune disposizioni del Trattato, risultante dalla recente giurisprudenza della Corte di giustizia, era incompatibile con la Costituzione.

Per chiarire ciò, passerò ora nella parte successiva del mio intervento a delineare i rischi per l’intero sistema sociale quando lo status di un giudice è contestato da un altro giudice.

Secondo l’interpretazione del Tribunale lussemburghese, i giudici dei tribunali polacchi sarebbero obbligati ad applicare il principio del primato del diritto europeo non solo sulle norme statutarie nazionali – cosa indubbia – ma anche a violare la Costituzione e le sentenze della propria Costituzione Tribunale!

L’adozione di questa interpretazione può conseguentemente comportare il ribaltamento arbitrario di milioni di sentenze emesse dai tribunali polacchi negli ultimi anni e la rimozione dall’incarico di migliaia di giudici. Milioni di giudizi! Ciò può essere contrario ai principi di indipendenza, inamovibilità e stabilità e certezza del diritto a un tribunale, che derivano tutti direttamente dalla Costituzione polacca. Non ti rendi conto a cosa potrebbe portare questo?! Qualcuno di voi vuole davvero introdurre l’anarchia, la confusione e l’illegalità in Polonia?

La conseguenza sarebbe un abbassamento fondamentale del livello costituzionale di protezione giudiziaria dei cittadini polacchi e un caos giuridico inimmaginabile.

Nessuno Stato sovrano può accettare una simile interpretazione. Accettarlo significherebbe che l’Unione cessa di essere un’unione di paesi liberi, uguali e sovrani – e che si trasformerebbe, con il metodo dei fatti compiuti, in un organismo parastatale amministrato centralmente, le cui istituzioni possono imporre alle sue “province “Tutto quello che considerano giusto. Questo non è mai stato concordato.

Questo non è ciò che abbiamo concordato nei Trattati. Vale certamente la pena discutere se l’Unione debba cambiare. Non dovrebbe creare un budget maggiore? Non dovremmo spendere di più per la sicurezza comune? Le spese per la difesa non dovrebbero essere sottratte alle procedure di disavanzo di bilancio? Questo è ciò che propone la Polonia! Non dovremmo rafforzare la nostra resilienza ai pericoli ibridi, alle minacce informatiche? Non dovremmo controllare meglio gli investimenti nei settori strategici dell’economia? Come finanziare in modo equo ed efficace la trasformazione energetica e climatica? Come rendere più efficace il nostro processo decisionale? Cosa possiamo fare per evitare che i nostri cittadini si sentano sempre più alienati nell’UE?

Pongo queste domande perché credo che le risposte a queste domande determineranno il futuro dell’Unione. Dovremmo discutere di tutto questo.

Dedicherò quindi ora alcune frasi alla questione dei limiti delle competenze dell’Unione e delle sue istituzioni.

Non si dovrebbero prendere decisioni importanti modificando l’interpretazione della legge.

Il successo dell’integrazione europea sta proprio in questo: quella legge è stata derivata dai meccanismi che collegano i nostri stati in altre aree.

Il tentativo di ribaltare di 180 gradi questo modello – e imporre l’integrazione attraverso meccanismi legali – è un allontanamento dai presupposti che erano alla base del successo delle Comunità europee.

Il fenomeno del deficit democratico è oggetto di discussione da anni. E questo deficit è andato peggiorando. Mai prima d’ora, però, è stato così visibile come negli ultimi anni. Sempre più spesso, attraverso l’attivismo giudiziario, le decisioni vengono prese a porte chiuse e c’è una minaccia per i paesi membri. E sempre più spesso – viene fatto senza una base chiara nei trattati, ma attraverso la loro reinterpretazione creativa. E – senza alcun controllo reale. E questo fenomeno è in crescita da anni.

Oggi quel processo è arrivato a un punto tale che dobbiamo dire: basta. Le competenze dell’Unione europea hanno i loro limiti. Non dobbiamo più tacere quando vengono superati.

Per questo diciamo SI all’universalismo europeo e NO al centralismo europeo.

Io, come tutti voi in quest’Aula, sono soggetto al controllo democratico. In questo modo saremo tutti chiamati a rispondere di tutte le nostre azioni. Rappresento un governo che è stato eletto nel 2015 e per la prima volta nella storia polacca ha raggiunto una maggioranza unica. Ecco perché abbiamo intrapreso un ambizioso programma di riforma sociale

E il popolo polacco ha deciso: alle prossime elezioni del 2018, 2019, 2020, ha fatto una valutazione democratica del nostro governo. Con la più alta affluenza alle urne della storia, abbiamo ottenuto il mandato democratico più forte della storia. Da 30 anni nessun partito non raggiunge un risultato elettorale simile a Legge e Giustizia. E questo senza il supporto di paesi stranieri, senza il supporto delle grandi imprese, senza nemmeno un quarto dell’influenza sui media come i nostri concorrenti, che hanno plasmato la Polonia dopo il 1989.

Riceviamo paternalisticamente lezioni sulla democrazia, lo stato di diritto, su come dovremmo modellare la nostra patria, che stiamo facendo scelte sbagliate, che siamo troppo immaturi, che la nostra democrazia è presumibilmente “giovane” – è un corso fatale di narrativa proposto da alcuni.

La Polonia ha una lunga tradizione democratica. Anzi anche una tradizione di “Solidarietà”.

Sanzioni, repressione dei paesi economicamente più forti contro quelli che stanno ancora lottando con l’eredità di essere dalla parte sbagliata della cortina di ferro: non è una strada giusta. Dobbiamo tutti ricordare le conseguenze.

La Polonia rispetta i principi dell’Unione, ma non si lascia intimidire. La Polonia si aspetta un dialogo su questo tema.

Per migliorare il processo di questo dialogo, vale la pena proporre cambiamenti istituzionali. Si potrebbe istituire una sezione della Corte di giustizia, composta da giudici nominati dalle corti costituzionali degli Stati membri, per il dialogo permanente, secondo il principio del controllo e dell’equilibrio. Oggi vi presento una proposta del genere. La decisione finale deve spettare ai demos e agli stati, ma i tribunali dovrebbero avere una tale piattaforma per trovare un terreno comune.

In conclusione, onorevoli deputati, dobbiamo anche rispondere alla domanda da dove l’Europa ha tratto vantaggio nel corso dei secoli. Ciò che ha reso la civiltà europea così forte.

La storia risponde così: siamo diventati potenti perché eravamo il continente più diversificato del pianeta.

Niall Ferguson scrive che: “gli imperi monolitici dell’Oriente soffocavano l’innovazione, mentre nell’Eurasia occidentale, montuosa e attraversata dai fiumi, numerose monarchie e città-stato erano in competizione creativa e comunicavano costantemente tra loro”.

Così l’Europa ha vinto trovando un equilibrio tra competizione creativa e comunicazione. Tra competizione e cooperazione. Oggi abbiamo bisogno di entrambi di nuovo.

Onorevoli deputati. Voglio un’Europa forte e grande. Voglio un’Europa che si batta per la giustizia, la solidarietà e le pari opportunità. Un’Europa capace di resistere ai regimi autoritari. Un’Europa che privilegia le soluzioni economiche più recenti. Un’Europa che rispetta la cultura e le tradizioni da cui è cresciuta. Un’Europa che riconosce le sfide del futuro e lavora alle migliori soluzioni per il mondo intero. Questo è un grande compito per noi. Per tutti noi, cari amici. Solo così i cittadini europei troveranno in se stessi la speranza di un domani migliore. Troveranno in se stessi la volontà di agire e la volontà di combattere. È un compito difficile. Ma intraprendiamolo. Intraprendiamolo insieme.

Viva la Polonia, viva l’Unione Europea degli Stati sovrani, viva l’Europa, il posto più grande del mondo!

Grazie mille.

Print Friendly, PDF & Email

Leave a Reply

Your email address will not be published.

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.