Contesa EU vs Polonia. Il PM Morawiecki lo andrà a spiegare a Bruxelles

Il Primo Ministro, Morawiecki, non si sottrae al confronto. Anzi chiede al Parlamento Europeo di essere ascoltato sulla sentenza del Tribunale Costituzionale polacco

WARSZAWA – Il Primo Ministro Mateusz Morawiecki dimostra di non avere timore dei Bruxelles ed ha chiesto al Parlamento Europeo di essere sentito per far capire cosa è la supremazia della Costituzione polacca.

Lo ha detto il suo portavoce, Piotr Muller, in un tweet

Nel tweet si dice che il PM ha chiesto al Presidente del Parlamento Europeo, l’italiano ex giornalista Davide Sassoli (eletto nel Partito Democratico, la sinistra italiana), di essere ascoltato nella seduta del Parlamento europeo.

Ciò al fine di portare in prima persona le ragioni della Repubblica di Polonia in merito al confronto pluriennale tra la pretesa europeista unionista di considerare le leggi nazionali fonte di secondo livello rispetto alle decisioni variabili della Unione Europea.

Sempre la questione legge polacca contro interpretazione europeista

La questione è ovviamente quella relativa alla interpretazione recente del Tribunale Costituzionale polacco che si è espresso, sostanzialmente, per la preminenza della legislazione polacca, nello specifico la Costituzione, rispetto alla legiferazione della Unione Europea.

Rispetto a tale presa di posizione concreta e ‘pesante’, alcune migliaia di polacchi sono scesi in piazza sotto l’hastag #zostajeMYwUE in cui indicavano che la Polonia è parte dell’Europa e loro ne vogliono far parte.

Da parte sua, il Governo polacco ha escluso qualunque ipotesi di Polexit, ovvero di fuoriuscita della Polonia dalla Unione Europea.

Probabilmente però indicando chiaramente che non è disposto ad entrare in nessun Stati Uniti d’Europa decisi dai burocrati di Bruxelles.

Europeisti in piazza a favore della Unione Europea
Print Friendly, PDF & Email

Leave a Reply

Your email address will not be published.

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.