Elezioni Presidenziali: tra voto online e diretto

Dopo una forte polemiche sul rinvio delle elezioni e l'ipotesi di 'voto postale', la data fissata per le prossime presidenziali è il 28 giugno

WARSAW – Le elzioni presidenziali in Polonia, sono alle porte. Rimandate dal 10 Maggio, data originaria causa corona virus, sono state decise per il 28 Giugno prossimo.

I candidati alle elezioni presidenziali polacche del 2020

Le votazioni saranno in maniera ‘tradizionale’ nel senso che ci si recherà nelle stazioni di voto e si voterà con carta e matita.

La precisazione è d’obbligo perchè, a ridosso della data del 10 Maggio, in Polonia si è discusso ampiamente sulla possibilità di votazione via ‘servizio postale’.

La proposta veniva dal governo ed era supportata dal PiS, il partito di maggioranza mentre era osteggiata dall’opposizione.

Oltre ed aldilà delle accuse di possibili brogli, è probabile che da un lato la maggioaranza volesse accellerare la votazione in un clima a lei favorevole ma con il rischio di degenerazione causa corona virus.

Allo stesso modo ed all’opposto, la minoranza sperava in una degradazione del sistema socio-economico polacco che portasse allo scontento della popolazione e, quindi, ad un voto contrario al favorito presidente uscente, Andrzej Duda.

Le intenzioni di voto. Il presidente uscente, Andrzej Duda è il favorito

Dubbi di costituzionalità. Ma in tutto il Mondo le leggi sono ‘saltate’

Molti dubbi sono stati elevati rispetto a queste elezioni, rispetto alle date che, nel posticipare il 10 Maggio, non hanno rispettato le prescrizioni costituzionali.

Ma d’altra parte in molte parti del Mondo il corona virus ha dato la possibilità ai governi di agire anche in spregio alle leggi persino costituzionali. Come in Italia dove la gente è stata privata della libertà personale, del lavoro e della libertà di movimenti tramite un dpcm, un atto amministrativo che ha superato persino i valori della Costituzione italiana

Come riporta Emerging Europe, per la professoressa Ewa Łętowska, già giudice della Corte Costituzionale polacca , la cancellazione del 10 Maggio è stato un atto senza una base legale.

Secondo alcuni esperti, l’unica possibilità di evitare i limiti legali e temporali per le votazioni presidenziali che impone la votazione non oltre dei 75 giorni precedenti la fine del mandato del presidente in carica (il termine del mandato di Duda è il 6 agosto 2020), sarebbe stato quello di dichiarare lo ‘Stato di Emergenza’ e quindi estendere il mandato di Duda a fine emergenza.

Voti dal Mondo

Le votazioni ‘via posta’ ci saranno comunque per un po’ di polacchi: quelli in giro per il Mondo.

Infatti, per molti Paesi ritenuti ancora a rischio (UK, Irlanda, Francia, Italia, Olanda, Belgio e Luxembourg), i polacchi sono invitati a votare per posta in ‘centri di votazione’ organizzati nelle maggiori città di questi Paesi.

Nel Regno Unito, sono previste 11 circoscrizioni ( 6 a Londra, 2 a Manchester, 2 a Edinburgh e one a Belfast. 3 a Dublino.

Sono 4 le circocrizioni in Francia: 3 a Parigi e a Lyon.

In Benelux, 3 a Brussels, 2 a L’Aia e 1 in Luxembourg.

In Italia, che viene considerato il punto di origine della pandemia in Europa, in totale ci sono 3 circoscrizioni: 2 a Roma e 1 a Milano. Qui sono invitati a votare i polacchi presenti a Malta.

In Canada. si voterà il 27 Giugno, prima degli altri polacchi ed anche qui solo via voto postale. Circoscrizioni sono state allestite a Ottawa, Toronto, Montreal e Vancouver.

Nel caso non si raggiungesse il 50%+1, che si aspetta da Duda, il secondo turno è previsto il 12 luglio

Per il presidente uscente, Andrzej Duda, consensi a quasi il 43%

Print Friendly, PDF & Email

Leave a Reply

Your email address will not be published.

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.