Oltre 2.300.000 persone hanno visitato Auschwitz nel 2019

Record di visitatori all'ex campo di concentramento di Auschiwtz. Dal 2020 cambia il procedimento di prenotazione ed accesso per le visite

Oświęcim /AUSCHWITZ – Nel 2019, 2.320.000 persone, da tutto il mondo, hanno visitato i siti dell’ex campo di concentramento e sterminio nazista tedesco Auschwitz e Auschwitz II-Birkenau, che sono gestiti dal “Memorial and Museum Auschwitz-Birkenau“.

Secondo i dati rilasciati dalla direzione del museo, si tratta di circa 170.000 visitatori in più rispetto al 2018.

L’entrata del campo di Auschiwtz con la famosa frase “Arbeit macht frei” (Il lavoro rende liberi). In questa parte del campo c’era la parte amministrativa del complesso detentivo, dove gli internati era selezionati per poi essere smistati nei sotto-campi. (foto Bibi595)

Aumento visitatori ‘singoli’

Nel 2019 il Memorial è stato visitato da circa 396.000 visitatori dalla Polonia, 200.000 dalla Gran Bretagna, 120.000 dagli Stati Uniti, 104.000 dall’Italia, 73.000 dalla Germania, 70.000 dalla Spagna, 67.000 dalla Francia, 59.000 da Israele, 42.000 dall’Irlanda e 40.000 dalla Svezia.

“Il conteggio dei visitatori e delle loro provenienze – ha dichiarato Andrzej Kacorzyk che è il direttore del Museo – è sempre meno agevole. Questo perchè negli ultimi anni, la modalità di visita al Memoriale è cambiata radicalmente. Osserviamo un aumento del numero di singoli visitatori che visitano il Museo in gruppi internazionali, che sono organizzati da vari uffici turistici. Per questo motivo, l’analisi dei dati statistici relativi ai paesi da cui provengono i visitatori è diventata una sfida seria

In molti utilizzano però le guide turistiche per la visita. Circa l’81% dei visitatori ha conosciuto la storia del campo con una delle 340 guide-educatori del Museo, che hanno permesso tour in 21 lingue.

Più di 14.000 persone in gruppi organizzati hanno deciso di esplorare la sua storia nell’ambito di visite di studio, con un aumento di circa il 20% rispetto all’anno precedente. Oltre a visitare il Memoriale in varie opzioni specializzate, includono anche attività educative, conferenze o seminari organizzati dall’ICEAH.

il Konzentrationslager Auschwitz, fu fondato il 20 maggio 1940 ed al suo massimo era composto da 3 campi principali e 45 sottocampi.

L’area di interesse del campo (Interessengebiet), con sempre nuove espropriazioni forzate e demolizioni delle proprietà degli abitanti residenti, arrivò a ricoprire, dal dicembre 1941, la superficie complessiva di circa 40 chilometri quadrati.

All’interno di questa superficie avevano sede anche alcune aziende modello, agricole e di allevamento, volute personalmente da Hitler, nelle quali i deportati venivano sfruttati come schiavi.

Tuttavia, questi dati non sono completi, perché, in relazione ai 730.000 visitatori che sono venuti al Memoriale in gruppi internazionali, gli organizzatori dei viaggi non hanno dichiarato un determinato paese. Di conseguenza, stiamo intraprendendo azioni volte a rendere i dati statistici più dettagliati attraverso il sistema elettronico per la prenotazione delle tessere d’ingresso“, ha aggiunto Andrzej Kacorzyk.

Nuove condizioni di visita anti-frode

Dal 2020, sono entrati in vigore nuove condizioni per la visita e la prenotazione al Memoriale di Auschwitz-Birkenau.

Uno dei cambiamenti più importanti è l’introduzione delle tessere d’ingresso personali per i tour di gruppo. Ha lo scopo di eliminare il commercio illegale di biglietti d’ingresso da parte di alcune compagnie che portano i visitatori al Memoriale“, ha affermato Piotr Cywiński.

In relazione all’afflusso di turisti in questi ex campi di concentramento, nel tempo diverse sono state le polemiche.

Non solo – o non tanto – per il flusso continuo in un posto che è il segno del dolore umano.

Ma spesso per il comportamento dei visitatori che con selfie, sorrisi e messe in posa strane per fare le foto, appunto non riconoscono il valore storico e di insegnamento di questo posto.

Print Friendly, PDF & Email

Leave a Reply

Your email address will not be published.

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.