Chi va via dalla Polonia, viene tassato

La pressione fiscale in Europa (dati pwhc)

Titolo preoccupante. Ma in realtà si tratta di una, cosiddetta ‘exit tax’, ovvero una possibilità data alla agenzia delle entrate polacca (Urząd Skarbowy) di tassare le attività che, per motivi di elusione fiscale, vadano fuori dal territorio polacco.

Questa tassazione rientra nella decisione della direttiva europea 2016/1164 che è indirizzata a favorire che le tasse siano pagate nei territori in cui creano profitti.

La tassazione, del 19% si applicherà a quelle aziende che modificheranno la residenza fiscale per, in questo modo, avvantaggiarsi sulla eventuale differenza di tassazione tra gli stati.

L’imposta sarà applicata quando il valore delle attività ‘fiscali’ trasferite supera i 2.000.000 zl (460.000€). Sulla parte eccedente questa cifra, l’ufficio delle tasse chiederà una imposta appunto del 19%.

Questa direttiva deve essere accolta dagli Stati membri la #EU entro il 2019

Print Friendly, PDF & Email

Leave a Reply

Your email address will not be published.

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.