Netanyahu critica il Primo Ministro Morawiecki

Una retata Nazista a Varsavia

Ancora qualche scintilla fra Polonia e Israele nelle persone dei due rispettivi Primi Ministri, in relazione alla nuova legge che condanna anche col carcere, chi collega i campi di concentramento creati dai tedeschi in suolo polacco, direttamente chiamandoli ‘campi di concentramento polacchi’.

L’occasione, riporta Wbj, è stata da una domanda posta al Primo Ministro polacco,  Mateusz Morawiecki, che a latere di un convegno in Germania, è stato intervistato da un giornalista. La domanda era, a seguito di questa nuova norma, un giornalista potesse essere condannato se si fosse trovato a raccontare, magari della propria nonna, internata nei campi di concentramento, anche a causa di polacchi che avevano collaborato con la Gestapo.

A questa domanda, evidentemente provocatoria, il PM polacco ha risposto piuttosto per le rime dicendo che ‘Ovviamente non sarà punibile, non sarà considerato criminale, per dire che ci sono stati perpetratori polacchi, in quanto vi sono stati perpetratori ebrei, in quanto vi erano perpetratori russi, in quanto vi erano ucraini, non solo perpetratori tedeschi‘.

Netanyhau risentito

Una risposta che il PM israeliano, Benjamin Netanyahu, non ha gradito. ‘Le dichiarazioni del Primo Ministro polacco qui a Monaco sono oltraggiose‘ – ha detto Netanyhau come riportato da Wbj. Qui c’è un problema di incapacità di comprendere la storia e una mancanza di sensibilità alla tragedia della nostra gente“.

Ovviamente potremmo dire è il gioco delle parti, con i due capi di governo che difendono le proprie posizioni. Con il governo israeliano ancora più interessato a non lasciare spazi alla diminuzio storica dell’attenzione sui fatti dell’Olocausto.

Ma pare che lo stesso israeliano, in una telefonata con l’omologo polacco, abbia confermato coma possa essere successo che qualche ebreo abbia collaborato con i Nazisti, ma questo numericamente non si può certo confrontare con il collaborazionismo, a dire di Netanyahu, dei polacchi.

Sempre in questa telefonata, Morawiecki ha risposto che il collaborazionismo eventuale di alcuni polacchi, non può essere esteso a tutto il popolo Polacco.

Ci sarebbe da capire, a chi conviene ancora parlare di questi fatti, cercando di affermare la propria visione 70 anni dopo e con altri e grossi problemi che attanagliano il mondo.

Print Friendly, PDF & Email

Leave a Reply

Your email address will not be published.

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.